Imu: fabbricati invenduti per le cooperative

Pubblicato su Plus Plus Fisco, IL Sole 24 Ore

D: L’art.2, comma 2, della legge 124/2013 ha modificato l’art.13, comma 9-bis del d.l.201/2011 prevedendo dal 1° gennaio 2014 l’esenzione Imu per i fabbricati costruiti e destinati alla vendita dall’impresa costruttrice, fintanto che permanga invenduto e non locato. Il dubbio di chi scrive è, se tale agevolazione spetta anche alle cooperative edilizie a proprietà divisa, alla stregua delle imprese di costruzioni, per gli alloggi ultimati da assegnare ai soci, nel caso trascorra un periodo di tempo considerevole dall’accatastamento degli immobili sino al rogito notarile per la cessione delle unità abitative.

R: Con riferimento al quesito in oggetto, dalla lettura congiunta della risoluzione 9/DF del 05/11/2015 del Ministero dell’Economia e delle Finanze (Mef) e della circolare 182/E/1996 dell’Agenzia delle Entrate, emerge che: le cooperative edilizie che assegnano in proprietà gli alloggi ai propri soci sono equiparate alle imprese costruttrici; “nella categoria delle imprese costruttrici rientrano a pieno titolo le cooperative edilizie che costruiscono, anche avvalendosi di imprese appaltatrici, alloggi da assegnare ai propri soci” (Circolare 182/E/1996); (come peraltro sottolineato anche dal Mef, dai documenti amministrativi e dalle pronunce della giurisprudenza) le assegnazioni degli alloggi operate dalle cooperative sono uguali alle cessioni effettuate dalle imprese perché in entrambi i casi si realizza un trasferimento della proprietà a titolo oneroso. Tanto premesso, ne consegue che, secondo anche il Mef, le cooperative edilizie di cui al quesito non devono pagare l’ Imu sugli immobili fintantochè non sono ancora assegnati ai soci.

Per maggiori informazioni rivolgiti ai nostri esperti di consulenza aziendale all’indirizzo info@admassociati.it

©Riproduzione Riservata

ATTENZIONE: La risposta ai quesiti è stata formulata attenendosi alle leggi vigenti all’epoca della richiesta. Pertanto si consiglia di verificare se da detta data sono state emanate delle norme o delle disposizioni ministeriali che hanno modificato il trattamento dell’oggetto del quesito.