TOSAP NEL MODELLO ISA

D: La tassa di occupazione di suolo pubblico si registra tra le imposte e tasse in quanto onere diverso di gestione, da riportare in f23 colonna 9 (nel rigo rubricato: di cui oneri per imposte e tasse). Essendo una sorta di canone (i comuni possono infatti adottare la Cosap in luogo della Tosap) è possibile iscriverla trai canoni di locazione?

R: Secondo quanto afferma la dottrina, sussiste una sostanziale differenza tra la tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche (TOSAP) e Il canone per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche (COSAP). La principale differenza riguarda la natura stessa delle due entrate, una di natura tributaria (TOSAP) e l’altra di natura patrimoniale (COSAP). Un’interessante pronuncia della Corte di Cassazione, Sez. Unite, Ord. 07/01/2016 n. 61, ha trattato la diversa natura giuridica del COSAP rispetto alla TOSAP. La TOSAP ha natura tributaria ed è disciplinata dal d.lgs 507/1993; viene applicata dai Comuni e dalle Province che non abbiano optato per il COSAP la cui applicazione resta facoltativa. Il COSAP, diversamente, non può essere considerato un tributo, bensì un corrispettivo di una concessione per l’utilizzo di beni pubblici la cui disciplina spetta ai regolamenti degli enti locali. La differente natura tra COSAP e TOSAP si evince anche dalla competenza di eventuali contestazioni e liti che sorgano per la loro applicazione. Per la TOSAP le contestazioni competano infatti al giudice tributario, per il COSAP al giudice civile ordinario. Le istruzioni ministeriali per la compilazione degli studi di settore non sono chiare al riguardo. Tuttavia, accogliendo l’interpretazione della Corte circa la natura non tributaria del COSAP, quest’ultimo non potrà essere indicato nel rigo F23 campo 9, in quanto riservato agli oneri per imposte e tasse. Risulterebbe infatti più opportuno indicare tale canone nel rigo F19 (costi per godimento di beni di terzi) campo 1, in cui le istruzioni ministeriali prevedono altresì l’indicazione dei canoni di locazione derivanti da concessioni.

Per maggiori informazioni rivolgiti ai nostri esperti di consulenza aziendale all’indirizzo info@admassociati.it


©Riproduzione Riservata

ATTENZIONE: La risposta ai quesiti è stata formulata attenendosi alle leggi vigenti all’epoca della richiesta. Pertanto si consiglia di verificare se da detta data sono state emanate delle norme o delle disposizioni ministeriali che hanno modificato il trattamento dell’oggetto del quesito.