QUESITI VARI

Tema del quesito: 

Ritenuta d'acconto su segnalazione clienti occasionale

Data di pubblicazione: 

2009-04-17

Domanda: 

Segnalazione clienti – ritenuta acconto


 
 

Risposta:


La questione relativa alla ritenuta d’acconto in ipotesi di emissione di fattura attiva per segnalazione clienti occasionale, può trovare risoluzione solo formulando una distinzione tra cosa debba intendersi per provvigione e cosa, invece, per diritto di segnalazione a forfait.

In particolare, qualora il diritto di segnalazione venga calcolato in termini percentuali sull’ammontare dell’intera operazione, allora ci si trova di fronte a compensi per provvigioni soggetti a ritenuta del 23% sul 50% dell’importo percepito, secondo quanto disposto dall’articolo 25-bis D.P.R. n. 600/73; qualora, invece, il corrispettivo sia stabilito a forfait, si potrà parlare di diritto di segnalazione, per il quale non è previsto il pagamento di alcuna ritenuta.

Si ricorda che, nel caso di emissione di fattura non assoggettata a ritenuta d’acconto, dovrà comparire la seguente dicitura: “diritto di segnalazione clienti con compenso pattuito a forfait”.

Di conseguenza, poiché l’attività resa è inquadrabile tra le prestazioni di servizi (obbligazione di fare), l’importo sarà soggetto ad I.V.A. con aliquota del 20%.

Torna indietro

 

ATTENZIONE: La risposta ai quesiti è stata formulata attenendosi alle leggi vigenti all'epoca della richiesta. Pertanto si consiglia di verificare se da detta data sono state emanate delle norme o delle disposizioni ministeriali che hanno modificato il trattamento dell'oggetto del quesito.