Finanziamento da società controllante statunitense – Ritenuta sugli interessi

Pubblicato su Plus Plus Fisco, Il Sole 24Ore

D: Una società italiana Srl è partecipata al 100% da una società di capitali residente negli Stati Uniti. Quest’ultima ha effettuato nel 2017 un finanziamento di 1.000.000,oo di euro al tasso di interesse del 2,5% annuo. Nel marzo 2018 la società italiana paga interessi alla società controllante Usa per euro 20.000,00. Deve provvedere ad effettuare una ritenuta a titolo di imposta e in che %? O nel caso in esame gli interessi vanno erogati senza effettuare nessuna ritenuta?

R: Dalle informazioni fornite nel quesito in oggetto, si è del parere che la società italiana debba operare la ritenuta a titolo d’imposta di cui all’art. 26, co. 5, DPR 600/1973, applicata nella misura del 10% sugli interessi corrisposti alla società statunitense (a tal riguardo, vedasi l’art. 11, § 2, della Convenzione bilaterale contro le doppie imposizioni Italia – Usa).

 

Per maggiori informazioni rivolgiti ai nostri esperti di consulenza aziendale all’indirizzo info@admassociati.it

©Riproduzione Riservata

ATTENZIONE: La risposta ai quesiti è stata formulata attenendosi alle leggi vigenti all’epoca della richiesta. Pertanto si consiglia di verificare se da detta data sono state emanate delle norme o delle disposizioni ministeriali che hanno modificato il trattamento dell’oggetto del quesito.