Costituzione trust autodichiarato e attribuzione codice fiscale

Pubblicato su Plus Plus Fisco, Il Sole 24Ore

D: Costituito Trust Autodichiarato con segregazione partecipazioni sociali ed individuazione beneficiario. Quesito: è necessario richiedere un codice fiscale in questo caso particolare oppure assume valore il codice fiscale del disponente Trustee persona fisica posto che l’Agenzia delle Entrate con Circolare 61/E del 2010 ha definito tali tipologie di Trust come non operanti ai fini fiscali?

R: Ai sensi della Circolare dell’Agenzia delle Entrate del 27/12/2010, n. 61/E, l’obiettivo principale della costituzione di un trust è, in termini generali, “la segregazione patrimoniale in virtù della quale i beni in trust costituiscono un patrimonio separato e autonomo rispetto al patrimonio del disponente, del trustee e dei beneficiari”. Pertanto, in forza proprio della segregazione che si vuole ottenere a livello patrimoniale, è stato chiarito che il trust debba dotarsi di un codice fiscale proprio (vedasi la Circolare dell’Agenzia delle Entrate del 06/08/2007, n. 48/E). Alla luce di questo, si ritiene che non vi siano deroghe applicabili al caso di specie e che, pertanto, anche nell’ipotesi prospettata sia opportuno richiedere l’attribuzione di un codice fiscale.

 

Per maggiori informazioni rivolgiti ai nostri esperti di consulenza aziendale all’indirizzo info@admassociati.it

©Riproduzione Riservata

ATTENZIONE: La risposta ai quesiti è stata formulata attenendosi alle leggi vigenti all’epoca della richiesta. Pertanto si consiglia di verificare se da detta data sono state emanate delle norme o delle disposizioni ministeriali che hanno modificato il trattamento dell’oggetto del quesito.